Menu

I vini del Nuovo Mondo

Dal Canada agli Stati Uniti scendendo fino in Argentina e Cile, l'enoteca riesce a proporre vini Americani sempre nel segno della qualità, che contraddistingue la scelta di tutti i propri prodotti.

I migliori vini del continente americano

L'intero continente americano è in grado di offrire prodotti enologici unici e di qualità.

I CANADESI ICE WINES
Spiccano i grandi Ice Wines canadesi, come quello prodotto da Colio Estate Winery, realizzati con uve soprattutto bianche (Vidal e Riesling) che vengono lasciate congelare sulle piante, quindi immediatamente pigiate per permettere che solo il succo più dolce fuoriesca dalla pressa ottenendo vini dolci molto concentrati e strutturati, vigorosi e aromatici.

CALIFORNIA E NON SOLO
Quando si parla di Stati Uniti da un punto di vista enologico, si pensa immediatamente alla California, il maggior produttore di vino del Nord America. Oggi questa terra, dona vini assolutamente stupefacenti le cui principali aree vinicole sono le celebri Napa Valley, Sonoma Valley e Mendocino County. I vitigni più impiantati sono il Cabernet Sauvignon e lo Chardonnay, seguiti dal Sauvignon Blanc e anche il Pinot Noir che nelle più fresche Russian River Valley e Carneros riesce a esprimersi su altissimi livelli. Ma non è solo California: più a nord, nello Stato dell'Oregon, il clima più fresco consente la coltivazione di altre uve: molto diffuso è il Pinot Nero. Interessanti vini sono prodotti nello stato di Washington (soprattutto Cabernet Sauvignon e Merlot) e, della East Cost, in quello di New York (Long Island) dove oltre ai più classici vitigni internazionali, si ottengono risultati interessanti con il Riesling, anche nelle versioni botritizzate (regione dei Fingers Lake).

LA TRADIZIONE ARGENTINA
I Conquistadores, nel XVI secolo, introdussero la vite anche in Argentina, anche se la viticoltura ha assunto la forma attuale solo nel XIX secolo grazie all'ondata di immigrati provenienti dal continente europeo. La viticoltura è praticata lungo quasi la metà della catena andina (tra il 25° e il 40° parallelo), in cinque distretti: Salta/Cafayate, il più settentrionale, La Rioja/Chilecito, Mendoza, la zona più famosa, San Rafael e Rio Negro. Vasta è la gamma di vitigni coltivati, che vanno dall'autoctono Torrontés (a bacca bianca) ai più diffusi internazionali, cui si affiancano il Malbec, che dà origine a straordinari vini rossi e la Barbera, impiantata in questo Paese con discreto successo.

LE SPECIALITÀ CILENE
Le favorevoli condizioni climatiche simili a quelle del Mediterraneo hanno consentito uno sviluppo immediato della viticoltura introdotto anche in Cile dai Conquistadores. Il suo sviluppo è stato immediato. Le varietà di composizioni geologiche e di microclimi si ripercuotono in una gamma altrettanto diversa di tipologie di vini. Quattro sono le principali zone vinicole, tra cui le migliori sono Aconcagua e Valle Central, dove si trova la celebre valle di Maipo. Il Cile produce grandi quantità di Cabernet Sauvignon (circa il 47 % della produzione totale del Paese) seguito da Sauvignon Blanc, Chardonnay e Merlot. Interessante, anche se ancora poco conosciuta, è la produzione di spumanti freschi e delicati.

Visita il nostro
shop esclusivo

 

shop